Contact Us

Use the form on the right to contact us.

You can edit the text in this area, and change where the contact form on the right submits to, by entering edit mode using the modes on the bottom right. 

         

123 Street Avenue, City Town, 99999

(123) 555-6789

email@address.com

 

You can set your address, phone number, email and site description in the settings tab.
Link to read me page with more information.

NEWS

Filtering by Tag: event

NEWS: GAME SHOW 2019 (October 11 2019)

COLL.EO

GAME SHOW

Venerdì 11 ottobre 2019

Dalle ore 18.00 alle ore 19.00

IULM Aula Seminari (sesto piano)

Via Carlo Bo 1

20143, Milano

Ingresso gratuito previa registrazione

L’Università IULM è lieta di presentare i videogiochi creati da una nuova generazione di game designers.

Venerdì 11 ottobre 2019 dalle ore 18.00 presso l’Aula Seminari dell'Università IULM di Milano si terrà la seconda edizione di GAME SHOW, dedicata ai progetti finali realizzati dagli studenti del Master of Arts in Game Design durante l’anno accademico 2018-2019. Nel corso della cerimonia verranno consegnati i diplomi. Le opere - che spaziano da sofisticati videogiochi ad esperienze interattive in bilico tra arte, design, narrazione e simulazione - dimostrano un notevole livello di ingegno, creatività e diversità.

I progetti finali sono visibili qui.

GAME SHOW

Friday October 11 2019

6.00 - 7.00 pm

Aula Seminari (IULM 1, sixth floor)

IULM University

Via Carlo Bo 1 20143, Milan

Free entry, with registration

Join us for a showcase of the final projects developed by our graduating students, a new generation of game designers.

Friday October 11 2019, from 6 pm, IULM University will host the second edition of GAME SHOW, an event open to the public showcasing the projects developed by the students of the Master of Arts in Game Design in the 2018-2019 academic year. During the ceremony, students will be handed their diplomas. Ranging from advanced video games to interactive experiences situated at the intersection of design, storytelling and simulation, the works display a high level of ingenuity, creativity, and diversity.

The final projects are listed here.

NEWS: GAME SHOW 2019 (OCTOBER 11 2019)

COLL.EO

GameShow 2019.jpg

Il Master of Arts in Game Design organizza la seconda edizione di GAME SHOW, uno showcase dei progetti finali degli studenti. Vi aspettiamo venerdì 11 ottobre dalle ore 18:00 alle 19:00 in Aula Seminari.

GAME SHOW

Venerdì 11 ottobre 2019

Dalle ore 18.00 alle ore 19.00

IULM Aula Seminari (sesto piano)

Via Carlo Bo 1

20143, Milano

Ingresso gratuito previa registrazione

L’Università IULM è lieta di presentare i videogiochi creati da una nuova generazione di game designers.

MILANO - Venerdì 11 ottobre 2019 dalle ore 18.00 presso l’Aula Seminari dell'Università IULM di Milano si terrà la seconda edizione di GAME SHOW, un evento aperto al pubblico nel quale saranno presentati i progetti finali realizzati dagli studenti del Master of Arts in Game Design durante l’anno accademico 2018-2019. Nel corso della cerimonia verranno inoltre consegnati i diplomi. L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube dell’Università IULM. Le opere - che spaziano da sofisticati videogiochi ad esperienze interattive in bilico tra arte, design, narrazione e simulazione - dimostrano un notevole livello di ingegno, creatività e diversità. 

Le opere selezionate sono: 

The Red Tavern di Riccardo Casetta

The Claustrum di Alberto Putignano

Memory Change di Alessandro Mucci

Quit Smoking di Dumitru Gheorghiuc 

Stranded di Lorenzo Martinoli e Stefano Sanitate

AfterVenture di Andrea Pennati

Milky Way Prince di Lorenzo Redaelli

Dead Calm di Roberto Vergine

Diretto da Gianni Canova e coordinato da Matteo Bittanti, il Master of Arts in Game Design è stato inaugurato nel novembre 2017. La terza edizione avrà inizio l’11 novembre 2019. Le iscrizioni sono aperte fino al 25 ottobre 2019.  

Unico nel suo genere in Europa, il Master of Arts in Game Design è indirizzato a studenti desiderosi di creare esperienze ludiche e interattive di altissimo livello, capaci di comunicare idee ed emozioni profonde attraverso il gameplay. Il programma offre nove moduli tenuti da sviluppatori di videogiochi professionisti, designer, artisti e accademici di fama internazionale. Il Master Universitario di Primo Livello dell’Università IULM fornisce tutti gli strumenti necessari per intraprendere una carriera specialistica nel settore videoludico. 


GAME SHOW

Friday October 11 2019

6.00 - 7.00 pm

Aula Seminari (IULM 1, sixth floor)

IULM University

Via Carlo Bo 1

20143, Milan

Free entry, with registration

IULM University is proud to present the projects developed by the graduating students of the M.A. in Game Design, a new generation of game designers.

MILAN, ITALY - Friday October 11 2019, from 6 pm, IULM University will host the second edition of GAME SHOW, an event open to the public showcasing the projects developed by the students of the Master of Arts in Game Design in the 2018-2019 academic year. During the ceremony, students will be handed their diplomas. GAME SHOW will be broadcast live on IULM University’s YouTube channel .

Ranging from advanced videogames to interactive experiences situated at the intersection of design, storytelling and simulation, the works display a high level of ingenuity, creativity, and diversity.

The line-up features:

The Red Tavern by Riccardo Casetta

The Claustrum by Alberto Putignano

Memory Change by Alessandro Mucci

Quit Smoking by Dumitru Gheorghiuc 

Stranded by Lorenzo Martinoli e Stefano Sanitate

AfterVenture by Andrea Pennati

Milky Way Prince by Lorenzo Redaelli

Dead Calm by Roberto Vergine

Directed by Gianni Canova and managed by Matteo Bittanti, the Master of Arts in Game Design debuted in November 2017. The third edition starts November 11 2019. Applications will be considered until October 25 2019.

A unique program in Europe, the Master of Arts in Game Design is a groundbreaking one-year, full-time, English-only, studio-based program located in the center of Milan, Italy’s most vibrant city. Designed for students interested in creating innovative games and interactive experiences, this Program will lead graduates to advanced work in game design

EVENT: GAME TALK #3: JOSEPH DELAPPE (MARCH 27 2019)

COLL.EO

GET READY FOR JOSEPH DELAPPE’S TALK ABOUT THE POLITICS OF GAMES AND THE GAMES OF POLITICS!

Tomorrow, Wednesday March 27, media artist and professor Joseph DeLappe will describe a lineage of creative projects and actions situated at the intersections of computer gaming, art/technology, and interventionist strategies engaging our geopolitical contexts. DeLappe will detail an approach to considering computer gaming environments online as a new type of public space; within which he has conducted a series of interventionist performances and actions, such as the 2006 project dead‐in‐iraq, to type consecutively, all names of America's military casualties from the war in Iraq into the America's Army first-person shooter online recruiting game. More recent projects include Elegy: GTA USA Gun Homicides (2018), a self-playing mod as a data visualizer of gun homicides in the United States as realized through this popular videogame.

Admission is free. Click here to register.


Domani, 27 marzo, l’artista e professore Joseph DeLappe descriverà progetti, interventi e azioni creative che si collocano all’intersezione tra videogioco, arte, tecnologia e politica in differenti contesti geopolitici. Secondo DeLappe, i videogiochi online rappresentano una nuova tipologia di spazio pubblico, un palcoscenico virtuale nel quale dare vita a performance di ogni tipo, tra cui dead-in-iraq (2006), che prevedeva l’inserimento via chat dei nomi delle vittime militari statunitensi della guerra in Iraq nel videogioco di reclutamento online America’s Army fino al recentissimo Elegy: GTA USA Gun Homicides (2018), una modifica del popolare action game di Rockstar Games, Grand Theft Auto V, che visualizza in tempo reale le statistiche sugli omicidi da arma da fuoco negli Stati Uniti.

L’ingresso è gratuito, ma la registrazione necessaria.

EVENT: MILAN MACHINIMA FESTIVAL 2019 (MARCH 15 2019)

COLL.EO

THE SECOND EDITION OF THE MILAN MACHINIMA FILM FESTIVAL PROMISES UNCANNY VISIONS.

The MACHINIMA FILM FESTIVAL returns to Milan on March 15 2019 during the Milano Digital Week

Featuring a selection of artworks created by artists appropriating, repurposing, and remixing commercial video games, the MMF includes short films and experimental works created by Lisa Carletta, COLL.EO, Joseph DeLappe, Kara Gut, Ismaël Joffroy Chandoutis, Chris Keric, Luigi Marrone, Luca Miranda, Leonhard Müellner, Bram Ruiter, Brenton Smith, Petra Szeman, Twee Whistler and Brent Watanabe.

An international panel of critics, curators, and academics contributed to the selection and evaluation process: Valentino Catricalà (Artistic Director of the Media Art Festival in Rome), Marco De Mutiis (Digital curator at Fotomuseum Winterthur), Stefano Locati (member of the Scientific Committee of the Ca’ Foscari Short Film Festival in Venice and Director of the Asian Film Festival in Bologna), Henry Lowood (Curator for the Germanic Collections and the History of Science and Technology Collections at Stanford University), and Jenna NG (Professor of Cinema and Interactive Media at the University of York).

This year’s theme is the UNCANNY, the perceptual phenomenon caused by experiences that are at once familiar and alien. Disquieting visions pervade an eclectic program in which glitches, shocks, and disturbing repetitions become a metaphor for societal chaos in the age of algorithms, surveillance capitalism, and artificial intelligence. These alternative narratives question the relationship between authenticity and performance, identity and self preservation in everyday (digital) life. Two longer documentary works examine the unexpected side (effects) of virtual gaming.

Curated by Matteo Bittanti and presented by Gemma Fantacci, the MILAN MACHINIMA FESTIVAL 2019 is organized by the Master of Arts in Game Design at IULM University. Admission is free upon registration. The screenings take place in Sala dei 146 located in the IULM Open Space.

JENNA NG PROMO.jpg

Two days before the Festival, on March 13, 2019, Jenna NG will deliver a keynote as part of the ongoing GAME TALKS series at IULM. Titled MACHINIMA AND THE ALLURE OF EPHEMERALITY: GAMEPLAY, LIVE STREAMS & DIGITAL CULTURE, the talk will address the explosion of interest in the live streaming of gameplay as witnessed in the popularity of Twitch, whose latest number of daily active users has reached 15 million, as well as other major platforms such as YouTube Gaming, Mixer, and Facebook Live. Specifically, the talk will link the current phenomenon of video game live streams with machinima and its origins in game demos and captured video game play, arguing not only for live streams to be the next logical evolution for machinima, but also for a critical theorisation of screen media that pursues a realist trajectory, one which potentially works its way from neorealist cinema to drone culture.

Sponsored by the City of Milan, Department of Digital Transformation and Public Services, the Milano Digital Week celebrates the driving forces that are reshaping work, leisure, and learning. By highlighting the interplay behind production and consumption made possible by digital technology, MDW connects citizens, companies, institutions, universities, and research centers.

LINK: MILAN MACHINIMA FESTIVAL

EVENT: GENDER PLAY (9 NOVEMBRE 2018)

COLL.EO

GENDER PLAY. I videogiochi tra rappresentazione e simulazione

Sala dei 146

IULM Open Space

Università IULM

9 Novembre 2018

Dalle ore 10.00 alle ore 13.30

INGRESSO GRATUITO/APERTO AL PUBBLICO/REGISTRAZIONE RICHIESTA

COME ARRIVARE

L’Università IULM organizza la prima edizione di GENDER PLAY. I videogiochi tra rappresentazione e simulazione, un evento che esamina il rapporto tra videogames e identità, new media e ruoli di genere, mainstream e sottoculture.

GENDER PLAY si articola in due momenti: una conferenza e uno screening. La prima prevede tre interventi a tema di altrettante giovani ricercatrici italiane – Dalila Forni, Ilaria Mariani e Fabrizia Malgieri – seguiti dalla proiezione, del documentario GEEK GIRLS (2017), diretto dalla filmmaker canadese Gina Hara, in anteprima nazionale.

Presentato e moderato da Gemma Fantacci (IULM) e organizzato dal Master of Arts in Game Design dell’Università IULM, GENDER PLAY è un evento gratuito e aperto al pubblico.

PROGRAMMA

Ore 10.00 - 10.15 Introduzione Matteo Bittanti, Gemma Fantacci

Ore 10.15 - 11.00 Conferenza

Dalila Forni, Università di Firenze
Giocare con gli stereotipi per una nuova educazione di genere: il caso di Horizon Zero Dawn
Ilaria Mariani, Politecnico di Milano
Fuori dall’armadio. Identikit ludici e questioni di genere
Fabrizia Malgieri, Università IULM
Lara e le altre: le nuove figure femminili del videogioco.

Ore 11.00 - 11-15 Q&A moderato da Gemma Fantacci

Ore 11.15 - 13.00 Proiezione GEEK GIRLS (2017) di Gina Hara

Ore 13.00 - 13.15 Conclusioni

GEEK GIRLS

Diretto da Gina Hara

Prodotto da Michael Massicotte

In inglese con sottotitoli in inglese

83 minuti, colore, 2017

L’altra metà della cultura nerd.

Geek Girls è il primo documentario sull’altra metà della fan culture: le donne nerd. Anche se di recente le comunità geek hanno ottenuto una significativa visibilità culturale, l’attenzione nei confronti delle donne che vivono e performano quotidianamente la dimensione nerd è stata sostanzialmente ignorata. La regista di origine ungheresi Gina Hara colma questa lacuna attraverso un documentario che esplora il mondo delle giocatrici professioniste e del cosplay, in bilico tra euforia e depressione, emancipazione ed emarginazione, confrontandosi con la propria identità geek.

Premiére italiana

REGISTRAZIONE RICHIESTA

CONFERENZA

Dalila Forni, Università di Firenze

Giocare con gli stereotipi per una nuova educazione di genere: il caso di Horizon Zero Dawn

Il videogioco è uno dei prodotti culturali che influenzano e costruiscono la percezione dei ruoli di genere, educando alla femminilità e alla mascolinità in modo informale. Anche se un gran numero di videogiochi propone ruoli di genere standardizzati, alcuni presentano personaggi complessi, sfaccettati e non facilmente classificabili che potrebbero portare i videogiocatori – adolescenti e adulti, maschi e femmine – ad empatizzare con l’Altro, sperimentare nuove esperienze ed interiorizzare modelli di genere non tradizionali. L’intervento si sofferma su uno studio di caso, il recente Horizon Zero Dawn per PlayStation 4, un videogioco che ridiscute ruoli e identità di genere a più livelli, rivelandosi un’opportunità innovativa ed educativa. Horizon Zero Dawnripensa infatti gli stereotipi femminili e maschili attraverso la rappresentazione di soggetti complessi e intersezionali, in grado di riconsiderare tanto la sessualizzazione che solitamente caratterizza i personaggi femminili, quanto la mascolinità tossica che contraddistingue i personaggi maschili. Si presenterà quindi il potenziale dei videogiochi nel promuovere un’educazione di genere aperta, che sappia valorizzare le caratteristiche del singolo individuo decostruendo i ruoli tradizionali.

Ilaria Mariani, Politecnico di Milano

Fuori dall’armadio. Identikit ludici e questioni di genere

Quando affrontiamo tematiche e questioni di interesse sociale, i designer si spingono oltre al mero intrattenimento, svolgendo il ruolo di catalizzatori di esperienze significative, capaci di innescare un’interazione e una discussione. Il ragionamento sul gioco e sul suo farsi sistema di comunicazione assume particolare rilevanza nel momento in cui la riflessione si cala in un ambito, quello (video)ludico, noto per essere tradizionalmente guidato dal target primario del maschio bianco eterosessuale. Tuttavia, negli ultimi anni, abbiamo assistito all’affermazione di un’utenza femminile nel settore, che non si conforma a tale stereotipo. Attraverso i risultati di una ricerca condotta su oltre duemila questionari, questo intervento mira a portare in primo piano pratiche, socialità, modalità e stereotipi di genere, osservando le differenze di usi e costumi ludici tra giocatori maschili e femminili. Domandandosi come i videogiochi possano trattare le questioni di genere e la non eteronormatività (sessuale) con un impatto positivo sulle conoscenze, preconcetti e atteggiamenti, questo intervento si focalizzerà su uno studio di caso, Let’s Come Out, che invita ed accoglie adulti e giovani, genitori e bambini a entrare nell’armadio per esplorare gli anfratti meno conosciuti.

Fabrizia Malgieri, Università IULM

Lara e le altre: le nuove figure femminili del videogioco

Tra i numerosi temi analizzati dai game studies, negli ultimi anni questioni quali la rappresentazione del gender, della sessualità, della razza e della classe sociale hanno assunto particolare rilevanza. Nello specifico, la rappresentazione delle figure femminili all’interno del medium videoludico ha assistito ad un’importante trasformazione, per cui l’archetipo classico della damigella in pericolo, presente nei primi videogiochi degli anni Ottanta, è stato a progressivamente sostituito da nuovi modelli più sfaccettati e articolati. Tale cambiamento è particolarmente evidente nella figura di Lara Croft, protagonista della serie Tomb Raider, che ha assunto negli anni un importante valore simbolico all’interno di questo dibattito. Grazie alla sua profonda trasformazione sul piano vista estetico e psicologico nei suoi oltre vent’anni di storia, è scaturita una riflessione significativa sul mutamento del ruolo delle donne nell’universo videoludico contemporaneo, che da oggetto è diventato soggetto a tutto tondo. Da Lara Croft in poi, il numero di personaggi femminile che interpretano il ruolo di protagoniste negli universi digitali del videogioco contemporaneo è aumentato in modo significativo, come attestano Aloy (Horizon: Zero Dawn), Max, Chloe (Life is Strange), Senua (Hellblade: Senua’s Sacrifice) e molte altre. Queste trasformazioni rispecchiano, a loro volta, il mutamento del ruolo e della percezione della donna all’interno della società. 

BIOGRAFIE

GEMMA FANTACCI

Dopo aver conseguito una Laurea Magistrale in Arti, Patrimoni e Mercati all’Università IULM, nel 2018 Gemma Fantacci ha ricevuto un Master of Arts in Game presso il medesimo ateneo, coniugando l’interesse per l’arte contemporanea con quello per i nuovi media, e, in particolare, videogiochi, machinima e in-game photography. Collabora regolarmente con ATP DIARY, un magazine online dedicato all’arte contemporanea. Durante il Master, Gemma ha sviluppato HACKTHECUBE, una piattaforma espositiva che adotta la struttura, l’estetica e la logica di funzionamento del cubo di Rubik. Vive e lavora a Milano.

DALILA FORNI

Dalila Forni è Dottoranda di ricerca presso il Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell'Università di Firenze e si è laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Milano. I suoi interessi di ricerca comprendono le narrazioni per ragazzi e gli studi di genere e LGBT. Attualmente si occupa della formazione dell’immaginario di genere attraverso opere narrative che vanno dagli albi illustrati ai videogiochi.

GINA HARA

Nata a Budapest, in Ungheria, Gina Hara è una regista e artista con un background in ambito artistico e tecnologico. Ha conseguito un Master of Arts in Intermedia e un Master of Arts in film. La pratica di Hara privilegia gli aspetti sperimentali e le forme transmediali della cultura visiva e si estrinseca attraverso differenti media (cinema, video, web e videogiochi). Il suo cortometraggio Waning (2011) ha ottenuto il primo premio nella categoria SHORTS al Festival Internazionale del Cinema di Toronto. La sua webserie Your Place or Minecraft(2015), distribuita su YouTube, ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali. Oggi vive e lavora in Canada.

FABRIZIA MALGIERI

Fabrizia Malgieri ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Comunicazione e Nuove Tecnologie presso l’Università IULM di Milano con una tesi sui videogiochi intitolata Multi-screen e multi-frame: nuove pratiche di esperienza videoludica. Dal 2013 svolge attività didattiche in ambito cinematografico presso l’Istituto di Arti, culture e letterature comparate e dal 2017 partecipa all’attività didattica e di ricerca in ambito televisivo presso il Dipartimento di Comunicazione, arti e media Giampaolo Fabris. Le sue collaborazioni includono la rivistaDuellanti, GameReactor (di cui è caporedattrice della sezione italiana) e il Corriere della Sera. La sua ricerca privilegia le forme di serialità nel videogioco e di rappresentazione di gender, in particolare, il ruolo delle figure femminili nel medium videoludico.

ILARIA MARIANI

Dopo aver conseguito un Dottorato in Design, Ilaria Marini insegna presso la Scuola di Design e svolge attività di ricerca nel Dipartimento di Design del Politecnico di Milano. Ilaria progetta e indaga giochi e narrazioni interattive come sistemi di comunicazione e innovazione sociale, tra etica ed estetica, e come forme di apprendimento game-based. Coprendo gli ambiti di studio di Communication Design, Game Studies (e Game Design), Interaction Design, Sociologia e Antropologia, Ilaria studia i giochi (fisici, digitali e ibridi) e le esperienze ludiche che essi generano. È coautrice dei volumi Game Design (Pearson, 2014) e Location-Based Mobile Games. Design Perspectives (Springer, 2018).

EVENT: GAME TALK #5: PIETRO POLSINELLI

COLL.EO

PP.png

JUNE 6 2018/6 GIUGNO 2018

Aula seminari

Università IULM (IULM 1)

Via Carlo Bo, 1

20143 Milan

PIETRO POLSINELLI

COME SOPRAVVIVERE AI GIOCHI APPLICATI


REGISTRAZIONE NECESSARIA

Pietro Polsinelli presenta una vasta gamma di progetti videoludici che ha personalmente curato, soffermandosi sugli errori e le soluzioni specifiche al processo di gioco applicato, lavorando con esperti sul campo che spesso non hanno alcuna esperienza nel settore del videogioco. La presentazione descrive le fasi di (s)preventivo, ideazione, progettazione e produzione, fornendo strumenti concettuali e pratici per migliorare la qualità del processo e del videogioco risultante. 

Pietro Polsinelli è un game designer e sviluppatore, impegnato soprattutto sui giochi applicati. Polsinelli ha sviluppato videogiochi per numerose aziende, istituzioni pubbliche, musei e centri di ricerca su temi eclettici e diversificati, dalla sicurezza delle piattaforme offshore alla prevenzione degli abusi familiari. Polsinelli sviluppa software da oltre trent'anni e giochi applicati dal 2010. Per ulteriori informazioni, cliccate qui.  

 

PIETRO POLSINELLI

SURVIVING APPLIED GAMES

PLEASE RVSP

Pietro Polsinelli discusses a diverse set of applied game projects that he curated, focusing on common mistakes and solutions that are specific to the applied game process, in particular working with field experts that have no experience with games. The talks will consider the (no)estimation, concept, design and production phases/loops, providing tips, modelling and conceptual tools to improve the quality of the process and of the resulting game.

Pietro Polsinelli is a game designer and developer, mostly working on applied games. Polsinelli has developed games for companies, public institutions, museums, and research centres on a wide spectrum of topics, from the safety of offshore platforms to family neglect and abuse prevention. Polsinelli has been developing software for more than 30 years and applied games since 2010. For more information, click here. 

EVENT: MILANO MACHINIMA FESTIVAL (March 16 2018)

COLL.EO

MILAN MACHINIMA FESTIVAL

March 16 2018

From 6.00 to 7.30 p.m.

IULM Open Space (IULM 6)

Via Carlo Bo 7

20143, Milano

An official event of MILANO DIGITAL WEEK 2018

Free and open to the public, upon registration

milanmachinimafestival.org


The aesthetics and politics of video game cinema: IULM University hosts the first edition of the MILAN MACHINIMA FESTIVAL.

MILAN - On Friday March 16,  2018 from 6.00 p.m. in the Sala dei 146 (IULM OPEN SPACE) IULM University will host the first edition of the MILAN MACHINIMA FESTIVAL, an official event of the Milano Digital Week 2018.

A follow-up to the 2016 exhibition GAME VIDEO/ART. A SURVEY organized by IULM University, this retrospective features a selection of machinima produced by international artists. Situated at the intersection between video games, experimental cinema and videoart, machinima is an audiovisual genre that defies easy categorizations. Artists appropriate and modify pre-existing video games to create visually idiosyncratic experiences.

The first edition of the MILAN MACHINIMA FESTIVAL features Tayla Blewitt-Gray (Australia), Alan Butler (Ireland), Jacky Connolly (United States), Thomas Hawranke (Germany), Jonathan Vinel (France), and Eduardo Tassi (Italy) among others. A surprise screening will be announced the day of the festival. By hijacking Grand Theft Auto and The Simsthese filmmakers created digital short films focusing on such themes as sexuality, politics, alienation, creativity, and violence.

Curated by Matteo Bittanti, the MILAN MACHINIMA FESTIVAL is presented by Laura Carrera and Gemma Fantacci, students of the Master of Arts in Game Design of IULM.

Sponsored by the City of Milan, Department of Digital Transformation and Public Services, the goal of the Milan Digital Week (March 15-18, 2018) is to give visibility to the driving forces that are reshaping work, free time, learning, and the interplay behind design and production made possible by digital technology, connecting citizens, companies, institutions, universities, and research centers.

LINK: MILAN MACHINIMA FESTIVAL

EVENT: GAME TALKS 2018

COLL.EO

We are thrilled to announce the first edition of IULM's GAME TALKS!/Siamo felici di annunciare la prima edizione dei GAME TALKS!

Presented by the Master of Arts in Game Design at IULM University, GAME TALKS are six lectures, presentations, and performances on the art of game design that will take place on Wednesdays at 6 pm between April 18 and June 20 2018 in Aula Seminari (main building, sixth floor).

Free and open to the public (RSVP required) these events celebrate the culture, art, and ingenuity of video games, in order to inspire a new generation of creators.

Organizzati e presentati dal Master of Arts in Game Design dell'università IULM, i GAME TALKS sono sei incontri sul game design che si terranno dal 18 aprile al 20 giugno 2018 - a distanza di due settimane - al mercoledì dalle 18 alle 19 in Aula Seminari situata al sesto piano dell'edificio centrale (IULM 1).

Gratuiti e aperti al pubblico (previa registrazione), questi eventi celebrano la cultura, l’arte e la creatività videoludica per ispirare una nuova generazione di autori.

FULL SCHEDULE/PROGRAMMA

April 18, 2018/18 APRILE 2018

Andrea Babich

 

May 2, 2018/2 MAGGIO 2018

Alex Camilleri

 

May 16, 2018/16 MAGGIO 2018

Marina Rossi

 

May 30, 2018/30 MAGGIO 2018

foci + loci

 

June 6, 2018/6 GIUGNO 2018

Pietro Polsinelli

 

June 20, 2018/20 GIUGNO 2018

AAA Collective

 

For additional information please visit/per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare la pagina GAME TALKS 2018.

EVENT: IULM ESPORTS SUMMIT (12/12/2017)

COLL.EO

IULM University will host its first eSports Summit on December 12, 2017 from 10 am to 1 pm in the Aula dei 146 (IULM Open Space). Sponsored and presented by the Master of Arts in Game Design and the Master in Marketing and Sport Communication Speakers include representatives from publishers (Stefano Cozzi, Riot Games), event organizers (Pier Luigi Parnofiello, Fandango Club; Simone Gambardella, PG eSports), market research companies (Andrea Valadé, Nielsen; Michele Ciccarese, GroupM ESP), and academics (Vincenzo Russo, Matteo Bittanti, Mauro Ferraresi). The event is free and open to the public but seats are limited.

Please RVSP here.

IULM eSPORTS Summit

EVENT: UNDERSTANDING GAME LOCALIZATION

COLL.EO

On October 20, 2017, Master of Arts in Game Design sponsored the first Game Localization summit at IULM University. Four speakers from the leading game localization companies in Italy (Elena Cesana and Marco Locatelli from Keywords Studios, Simone Crosignani from Jinglebell, Daniele Pastina from Synthesis) discussed several aspects of this complex and fascinating practice. 

The event can be watched in its entirety below. 

EVENT: PROFESSOR AURIEA HARVEY INTERVIEWED BY NYU GAME CENTER

COLL.EO

Two faculty members, Auriea Harvey and Pietro Righi Riva, will soon fly to New York to showcase their latest game in the prestigious No Quarter exhibition curated by Robert Yang and hosted by the NYU Game Center. This week, Yang chatted with Harvey about game design, innovation, and art. You can read the interview by clicking the image below. 

EVENT: A DELUGE OF INDIE GAMES AT THE MILAN GAMES WEEK 2017

COLL.EO

Indie games took a center stage at the latest Milan Game Week (September 29 - October 1, 2017). The show's attendance was close to 150,000. Among the 56 titles on display was Professor Pietro Righi Riva's narrative road trip extravaganza Wheels of Aurelia. The key message is that, in 2017, "game design" and "Made in Italy" are not two mutually exclusive ideas. Check the video below for a detailed overview of recent indie productions developed by Italian studios. Your project could be the next hit.