Contact Us

Use the form on the right to contact us.

You can edit the text in this area, and change where the contact form on the right submits to, by entering edit mode using the modes on the bottom right. 

         

123 Street Avenue, City Town, 99999

(123) 555-6789

email@address.com

 

You can set your address, phone number, email and site description in the settings tab.
Link to read me page with more information.

HERITAGE

ALESSANDRO COLANTONIO & FRANCESCO MONTIBELLO

Heritage è una metafora, sotto forma di un videogioco gestionale a turni, dello sforzo che la nostra civiltà ha compiuto nel tramandare la conoscenza.
 

Il gioco si svolge su un antico vaso di terracotta sul quale è rappresentata una popolazione Etrusca all’interno dell’Athaeneum, un edificio dove gli abitanti condividono i propri interessi e idee.


Gli abitanti sono suddivisi in cittadini, scribi, è bambini. Gli scribi sono gli unici abitanti in grado di trascrivere le idee dei cittadini, mentre i bambini sono gli unici in grado di imparare la scrittura e le idee dagli adulti.
Ogni idea di un cittadino è unica e quando viene trascritta nella biblioteca dell’athenaeum ha risvolti diversi sulla società. Il compito del giocatore è quello di conservare in biblioteca il maggior numero possibile di documenti in base ai loro effetti, necessari per fa fronte all’arrivo delle calamità più temute dell’epoca: carestie, malattie, invasioni nemiche e punizioni divine.
Ma il pericolo più grande che può frapporsi tra il giocatore e gli abitanti è il tempo: ogni abitante può effettuare una sola azione per turno, e non tutte le idee dei cittadini sono compatibili con le competenze degli scribi. Scegliere in modo oculato è fondamentale per salvaguardare e tramandare l’eredità del popolo.

La colonna sonora è disponibile qui.

Heritage is a metaphor, disguised as a turn-based videogame, about the struggle of an ancient civilization trying to preserve and perpetuate its knowledge.

The game takes place on a vintage terracotta pot representing the athenaeum, the center of an ancient Etruscan town, where inhabitants share their interests and ideas. 

The inhabitants are divided in three categories: citizens, scribes and children. Only scribes can write and formalize the citizens' ideas, and only children can learn to write and internalize adults’ ideas.

Each citizen's idea is unique, and, when it gets transcribed, it will produce different effects on society. The player’s goal is to archive the largest possible number of documents in the library, because the knowledge they carry must be protected from the most fearsome calamities that might strike the town at any time: starvation, plagues, invasions, and divine punishments.

But the gravest danger that could jeopardize the player’s hegemony is time: each inhabitant can perform only one action per turn, and not each citizen's idea is compatible with the scribes’ skills. Making the right choices is thus essential to preserve and share the heritage of an entire civilization.

Listen to the soundtrack here.